Ceramic of Italy (full)
Reg ceramica.info – Full It

Come scegliere il giusto adesivo | di Alfredo Zappa

Articolo pubblicato in: "Piastrellature ceramiche a norma"

Nell’ambito delle attività di posa di una piastrellatura ceramica, la scelta dell’adesivo o della malta di applicazione risultano fondamentali non solo per una esecuzione a regola d’arte, ma anche rispetto alla durabilità dell’opera. In questo senso, oltre a raccomandare il rispetto delle prescrizioni fornite dai produttori, la norma UNI 11493 mette in risalto le relazioni che legano la scelta dell’adesivo ai dati di progetto relativi all’ambiente di destinazione, al tipo di supporto, al tipo di piastrelle e al loro formato.

 

Gli attori protagonisti

Il progettista: redige il progetto di posa e, con riferimento alla classificazione della UNI EN 12004, indica la scelta del tipo di adesivo.

Il committente: fornisce tutte le informazioni utili sulla destinazione degli ambienti e le relative sollecitazioni, necessarie al progettista per definire i requisiti tecnici e i criteri di scelta dell’adesivo.

Il posatore: verifica la qualità di adesivi e malte, provvedendo al loro corretto stoccaggio in cantiere. Verifica lo stato del supporto e ne denuncia formalmente eventuali difformità dal progetto. Esegue la piastrellatura impiegando adesivi o malta in conformità a quanto prescritto dal progetto e alle indicazioni della Direzione lavori.

 

In dettaglio

La UNI 11493 dedica l’articolata Appendice D, per guidare il progettista nella scelta e specifica del tipo di adesivo. Ad essa rimandiamo per la consultazione operativa. Per le prescrizioni relative al massetto e le classi di resistenza è invece di utile riferimento la UNI EN 13813.

In merito alla posa con adesivo delle piastrellature a pavimento, la citata UNI 11493 fornisce una serie di prescrizioni legate alla natura dei massetti. Per i massetti in aderenza raccomanda l’ancoraggio al supporto mediante applicazione di un promotore di adesione, soprattutto per quelli a basso spessore (< 40 mm). I massetti desolidarizzati (spessore ≥ 40 mm), realizzati mediante interposizione di uno strato separatore (barriera vapore o altro), necessitano dell’installazione di un giunto perimetrale. Stessa attenzione esecutiva per i massetti galleggianti. In pratica si tratta di massetti desolidarizzati da uno strato di materiali isolanti (termici o acustici). La comprimibilità di questi materiali richiede un opportuno dimensionamento e rinforzo del massetto, anche con interposizione di reti. Una tipologia in progressiva diffusione, legata all’architettura a elevata efficienza energetica, è quella dei massetti radianti, che incorporano l’impianto di riscaldamento e raffrescamento. In questi casi, alle prescrizioni elencate per i massetti galleggianti si aggiunge quella di predisporre uno spessore di massetto ≥ 30 mm al di sopra delle tubazioni. Riguardo invece i requisiti degli intonaci per piastrellature a parete, la caratteristica principale da garantire è il loro perfetto ancoraggio al supporto, unita alla resistenza superficiale. Le prescrizioni sull’adesione sono invece legate all’ambiente di destinazione e le relative specifiche contenute nella citata Appendice D. Infine, nel paragrafo dedicato alla posa a malta cementizia di piastrellatura a pavimento, la norma distingue tra esecuzioni in adesione al supporto o su strato di separazione, in entrambe con spessore del massetto di malta compreso tra 4 e 10 cm. Nel caso invece lo spessore superi i 6 cm la norma prescrive l’installazione nella malta di una rete elettrosaldata. Le tecniche di riferimento sono 2: a boiacca o a spolvero. Quest’ultima non è però consentita quando la dimensione delle piastrelle supera il formato 30×30 cm.

 

Per saperne di più

Norma UNI 11493 -1:2016

Piastrellature ceramiche a pavimento e a parete

Istruzioni per la progettazione, l’installazione e la manutenzione

Capitolo: 8 – Progettazione

Paragrafi: 7.5 Posa con adesivo. Scelta e specifica dell’adesivo; 7.6 Posa con adesivo. Prescrizioni relative al massetto (piastrellature a pavimento) ed all’intonaco (piastrellature a parete); 7.7 Posa a malta cementizia di piastrellatura a pavimento. Condizioni e specifiche.

Appendice: D – Schema per la scelta e specifica del tipo di adesivo, in funzione dei dati di progetto e delle piastrellature selezionate.

 

Altri articoli pubblicati in Piastrellature ceramiche a norma

I requisiti che rendono eterno il pavimento

L’ampio spettro applicativo delle piastrellature ceramiche richiede una attenta analisi del sistema di requisiti da soddisfare, quali: i dati di progetto, le specificità del contesto applicativo, le caratteristiche degli strati di supporto.