Cinque modi per migliorare il valore e la sicurezza della casa con la ceramica italiana | di Caroline Busch

Se negli ultimi mesi si è lavorato da casa, è molto probabile aver sognato ad occhi aperti (o addirittura pianificato) una ristrutturazione della casa. La pandemia da COVID-19 e la conseguente crisi sanitaria globale hanno portato a un cambiamento fondamentale nel numero di persone che pensano alle proprie case. Sia che si voglia creare un ambiente domestico più igienico, progettare una cucina da sogno o costruire il proprio spazio di intrattenimento all’aperto, la ceramica italiana è in testa tra i materiali che meglio concorrono a realizzare i progetti di ristrutturazione residenziali.

Per sua natura la ceramica è un materiale sano e igienico. È anche estremamente durevole, resistente all’acqua e facile da pulire, offrendo una soluzione a bassa manutenzione per ogni stanza della casa. Le piastrelle italiane in particolare sono disponibili in una gamma impressionante di colori, motivi, forme e dimensioni, quindi non costringono mai a scendere a compromessi con la bellezza in funzione della tranquillità. Ecco cinque esempi di come le piastrelle di ceramica italiane possono contribuire a migliorare il valore e la sicurezza degli ambienti della casa (guarda il video “La Ceramica. Una scelta sicura“).

 

Migliorare la salubrità degli ambienti in cui si vive

La piastrella in ceramica è uno dei materiali da rivestimento più sani e igienici sul mercato. È realizzato con materie prime naturali tra cui argilla e sabbia e viene cotto ad alta temperatura per creare una superficie resistente e inerte, priva di sostanze chimiche tossiche e composti organici volatili. Poiché molti tipi di ceramica (incluso il gres porcellanato) non sono porosi, sono ipoallergenici. Non intrappolano lo sporco, gli acari della polvere o gli allergeni e sono naturalmente inospitali per batteri, muffe e funghi. Alcuni produttori italiani fanno addirittura un passo avanti offrendo piastrelle antimicrobiche che mirano ad eliminare attivamente fino al 99,9% dei batteri. In ogni caso, l’utilizzo di piastrelle di ceramica italiane è una scelta intelligente per ridurre la diffusione batterica e, in definitiva, migliorare la salubrità della tua casa.

 

Creare una cucina da sogno

La cucina è senza dubbio uno degli ambienti più utilizzati della casa. Per questo motivo, possiede anche un grosso potenziale per innalzare il valore di mercato della casa stessa. La ceramica, e il gres porcellanato in particolare, è un materiale incredibilmente durevole, resistente a macchie, graffi, acqua e calore estremo, motivi che lo rendono la soluzione ideale per una cucina sottoposta ad un intenso uso. Ci sono migliaia di proposte accattivanti e formati innovativi tra cui scegliere per il pavimento, il muro e i ripiani di lavoro! I produttori italiani hanno aperto la strada alle grandi lastre di gres porcellanato, che misurano fino a 160 x 320 cm. Sono disponibili in una grande varietà di stili: da effetti materici incredibilmente realistici a colori e motivi a tinta unita. Con spessori variabili (3, 6, 12 e 20 mm), le piastrelle possono essere installate in un unico pezzo, proprio come una lastra di marmo o pietra, oppure tagliate e forate per modellare piani di tavoli e altri mobili su misura. Poiché queste lastre sono sul mercato ormai da qualche anno, la maggior parte dei produttori lavora agevolmente con questi materiali. La maggior parte delle collezioni di piastrelle italiane offre anche pezzi decorativi, come mosaici e listelli, che sono utili per creare le alzatine coordinate e completare l’aspetto della cucina nel modo più appropriato. Con la ceramica italiana, si può ottenere una superficie dall’aspetto di un marmo pregiato senza doversi preoccupare della manutenzione ad esso associato.

 

 

Ristrutturare i pavimenti esistenti

Le aziende italiane sono pioniere nel settore delle piastrelle e offrono molti prodotti creativi per rendere più facile la ristrutturazione. Una soluzione è il gres porcellanato calibrato che può essere installato direttamente su superfici preesistenti. Poiché la ceramica viene prodotta anche in versione sottile, con spessori a partire da soli 5 mm, può essere installata direttamente sopra i vecchi pavimenti senza alzare troppo lo spessore complessivo del pavimento. Altri esempi includono pavimenti flottanti dotati di tappetino insonorizzante e riempitivo speciale, piedistalli rialzati per l’installazione di piastrelle su cavi o superfici irregolari e sistemi di piastrelle ad incastro che è possibile installare da soli, riducendo ulteriormente i costi di ristrutturazione.

 

Realizzare un giardino da vivere

La pandemia ha indotto tutti a ripensare al modo in cui viviamo, lavoriamo e ci riuniamo. Un recente studio condotto da Realtor.com ha rivelato che uno dei fattori più ricercati attualmente dai potenziali acquirenti di case è uno spazio di vita all’aperto. Poiché trascorriamo tutti più tempo all’aperto, è importante creare un’atmosfera che non sia solo funzionale, ma anche elegante e invitante. Le piastrelle italiane si prestano in modo ottimale alla realizzazione degli ambienti outdoor, in particolar modo il gres porcellanato spessorato come pavimentazione. In questo caso le piastrelle hanno uno spessore di 20 mm e possono essere posate a secco su erba, ghiaia e sabbia per una facile installazione. Sono anche non porose, antiscivolo e resistenti ai raggi UV e agli agenti atmosferici, rimanendo inalterabili nel tempo.

 

 

Ridurre i consumi di energia elettrica

La ceramica è stata utilizzata come conduttore di calore sin dai tempi antichi. La sua massa termica riduce i picchi di riscaldamento e raffreddamento, fungendo da isolante naturale e creando un ambiente interno più stabile e confortevole. È anche una delle migliori opzioni per il riscaldamento a pavimento radiante poiché trattiene il calore più a lungo, contribuendo a ridurre il consumo di energia e le bollette energetiche.

 

Novembre 2020