Reg ceramica.info – Full It
Ceramic of Italy (full)

ITALCER ACQUISISCE CERAMICA RONDINE

Con Rondine, il Gruppo Italcer si va a posizionare, con quasi 200 milioni di euro di fatturato e oltre 35 di Ebitda, al 6°posto tra gli operatori italiani del settore.

Milano, 15 ottobre 2018 _ Italcer Group, società capogruppo dell’omonimo Gruppo ceramico controllato dal fondo di private equity Mandarin Capital Partners II (“MCP”), ha completato oggi l’acquisizione del 100% della Ceramica Rondine Spa di Rubiera (RE).
Questa acquisizione segue quelle di La Fabbrica Spa, Elios Ceramica Spa e Devon&Devon Spa, concluse a partire dal mese di maggio dello scorso anno. Con Rondine, il Gruppo Italcer si va a posizionare, con quasi 200 milioni di euro di fatturato e oltre 35 di Ebitda, al 6°posto tra gli operatori italiani del settore.

Il progetto di realizzazione di un cluster di imprese ceramiche del medio-alto di gamma, era stato presentato ad Alberto Forchielli partner fondatore di MCP a fine 2016 da Graziano Verdi, ex Presidente e CEO di Graniti Fiandre, del Gruppo Iris Ceramica ed anche di Technogym e successivamente della multinazionale belga Koramic. L’idea di fondo di Verdi e MCP è quella di realizzare significative sinergie a livello produttivo e commerciale in un comparto – quello della ceramica italiana di qualità – che è ancora caratterizzato da una forte frammentazione.

Lorenzo Stanca, Managing Partner di MCP e Presidente di Italcer, commenta: <Siamo convinti di aver realizzato un progetto di grande valenza industriale>.

Sottolinea Graziano Verdi, Amministratore Delegato di Italcer: <La capacità di innovare e realizzare prodotti che rispondano a sempre nuove esigenze è uno degli elementi caratterizzanti delle migliori aziende italiane, che da decenni ormai sono al vertice della fascia alta del mercato mondiale. Le aziende che abbiamo scelto hanno tutte elementi distintivi, diversi tra loro, che consentiranno al Gruppo di inserirsi nell’élite delle migliori imprese e di accelerare il loro percorso di sviluppo. Italcer esporta circa l’80% del fatturato ed è leader nell’alto di gamma. I suoi marchi sono tra i più innovativi e performanti del settore. Stiamo parlando insomma di un leader italiano dalla marcata capacità competitiva>.