Una stanza da bagno eclettica

I trend dell’interior design vedono una relazione sempre più stretta fra i vari ambienti per la casa, in continua comunicazione e relazione fra loro; così, anche il bagno diventa luogo di sperimentazione e apertura
Di Antonia Solari

Gli esempi a tema sono molti, in casa: interni ed esterni – fra balconi, terrazze e cortili – sono sempre più legati fra loro e gli arredi per spazi aperti diventano adatti anche per soggiorni e sale da pranzo ‘al chiuso’; l’ufficio ha traslocato in casa e scrivanie o librerie pensate per spazi di lavoro sono oggi adatte anche per la postazione di smart working, perché il loro design è diventato più semplice da abbinare a quanto già presente negli altri ambienti. Oppure i pavimenti: le collezioni di ceramiche per rivestimenti sono sempre più spesso pensate per progetti continui fra zona giorno e zona notte o fra interni ed esterni, dove a cambiare sarà solo il coefficiente di scivolosità, nel rispetto delle norme.

In modo simile, gli arredi (e gli accessori) per il bagno non hanno più una carta d’identità così chiara e una funzionalità univoca: armadi, cassettiere, mensole e complementi pensati per questo ambiente potrebbero anche essere collocati in camera da letto o nella cabina armadio, per fare solo due esempi.

 

Ceramica Globo

Opi Bob, di Ceramica Globo, è definito da un piano in Dekton, su cui poggia un lavabo con finitura bianco opaco, e dall’arredo sottolavabo con struttura in acciaio nero opaco con portasciugamani laterali destro o sinistro. La base contenitore, inoltre, è in MDF laccato in finitura Agata con sistema di apertura Push and Pull.

Ideagroup

La composizione in foto della collezione Spazio Time, serie di Ideagroup pensata per la lavanderia, comprende una parete attrezzata con parto strutturali in alluminio in finitura Nero, ripiani in Rovere Fight e basi in Laccato Cappuccino opaco. Misura 82x196x50 cm.

 

Questa tendenza risponde soprattutto a due ‘movimenti’ attivi nel mondo della progettazione; il primo riguarda la crescente volontà di avere appartamenti dove lo stile sia omogeneo, quindi colori, materiali e texture che si trovano nella zona giorno si vorrebbero riconoscere anche nella zona notte e negli spazi di servizio, per avere un filo conduttore coerente. A conferma di questa attuale corrente i risultati della ricerca Houzz&Home 2022 secondo cui il 27% di chi ha scelto di rinnovare la propria casa ha voluto inaugurare un intervento complessivo, in modo da avere come risultato un progetto organico e omogeneo. Cambiano, quindi, le funzioni o il contenuto di armadi e cassettiere, ma il loro stile e la cura nella definizione dei loro dettagli – dalle spalle, agli schienali – ne permettono la collocazione tanto in bagno quanto altrove, partecipando a definire lo stile complessivo di un’abitazione.

 

Artesi Heritage Collection

La Heritage Collection, disegnata da Enrico Cesana per Artesi, comprende madie, mobili lavabo e specchiere; gli elementi sono definiti anche dalle due nuove finiture, rovere e noce canaletto, capaci di rivelare la versatilità degli arredi e di aprire il dialogo con gli altri spazi della casa.

Flaminia Denver

Denver, di Ceramica Flaminia, è la base portalavabo freestanding con struttura in metallo verniciato Nero matt. Il top e i cassetti sono in MDF poliesterato e laccato opaco in superficie. Denver è compatibile con diversi modelli di lavabo; in foto è affiancato al modello Spire.

 

Il secondo motore di questo trend riguarda la sostenibilità, tema sempre più caro tanto a committenti e utenti quanto ai produttori, che aggiornano senza soluzione di continuità le filiere produttive per contenere consumi e impatto e sviluppano progetti di ricerca nel nome della sostenibilità.

Nello specifico, ampliando le possibilità d’uso di un elemento d’arredo se ne allunga idealmente il ciclo di vita, perché lo stesso mobile potrà essere usato nel corso degli anni in modi diversi, assecondano i cambiamenti nella vita di ciascuno, i traslochi, i nuovi appartamenti, i nuovi spazi da arredare.

 

Progettogroup

Strip, di Progetto Group, è una collezione progettata dalla designer Bruna Rapisarda e che comprende una serie di accessori e si sviluppa lungo una “linea di luce” – cioè una barra di alluminio illuminata – da personalizzare con specchi, mensole, ganci e oggetti di uso quotidiano. Le componenti possono essere di volta in volta combinate o spostate.

 

Colavene

Colavene presenta un sistema modulare in grado di abbinare praticità e design: si tratta di mobili e strutture che possono ospitare anche un lavabo con strofinatoio, una lavatrice e asciugatrice, oltre a panche, pensili, mensole e barre appendiabiti. Gli elementi sono disponibili nelle finiture bianco matt, rovere chiaro, rovere primitivo e lava.

Arcom

La composizione Rail di Arcom: le colonne per l’arredo bagno (170×38 cm), affiancate l’una all’altra, formano una soluzione ad armadio alternando moduli chiusi da ante a spazi a giorno. In versione tutta altezza ampliano il volume contenitivo, proponendosi come soluzione iper-funzionale. La finitura è Riga Rovere Sbiancato.

Fiora mobile rok e piatto doccia sfera

Rok di Fiora è un mobile da bagno versatile, progettato da Fiora Design Studio e pensato come un blocco geometrico definito dall’incastro di linee rette e da uno stile minimale. La maniglia è personalizzabile e può essere composto con o senza piedini e in un’ampia gamma di finiture.

 

Concretamente, queste tendenze si traducono in progetti caratterizzati da volumi puri e linee nette, finiture viste spesso anche in altri ambienti della casa – come le ante cannettate o le texture materiche – e colori neutri o tonalità pastello, semplici da abbinare e affiancare fra loro.

Appuntamento quindi a Cersaie, in programma dal 25 al 29 settembre 2023 a Bologna, per vedere esempi concreti di questo trend dal vivo; oppure tutti i giorni dell’anno online su ceramica.info.

 

Marzo 2023

Cer Magazine Italia 58 | 03.2023