Studio Libeskind e Casalgrande Padana per un nuovo progetto

Nel cuore della storica metropoli tedesca una spettacolare architettura firmata da Daniel Libeskind si propone tra i nuovi punti di riferimento del paesaggio urbano.

Prosegue la proficua collaborazione tra Casalgrande Padana e Daniel Libeskind, protagonisti di un importante realizzazione a Berlino: lo Sapphire, un nuovo complesso residenziale che, oltre ad evidenziare con chiarezza gli aspetti identificativi del linguaggio espressivo di Libeskind, rappresenta anche una sfida in termini costruttivi e tecnologici, riaffermando i valori e lo stretto rapporto che legano architettura e costruzione.

Sapphire, letteralmente “zaffiro”, è un palazzo pluripiano caratterizzato da una volumetria particolarmente complessa, liberata dalle coordinate cartesiane e dalle perpendicolari di gravità, così come Libeskind ci ha abituati ad immaginare. Una pietra dura e sfaccettata che, come uno zaffiro, emerge da rocce metamorfiche. Il colore stesso del rivestimento ceramico dell’involucro rammenta il blu-azzurrino che il corindone dona a questa pietra preziosa.

Una pelle in lastre di grès porcellanato bioattivo e autopulente Bios Self-Cleaning Antibacterial® con superfici tridimensionali, appartenenti alla serie Fractile (disegnata dallo stesso Libeskind) e prodotte in esclusiva da Casalgrande Padana. Oltre 3600 elementi ceramici di cui più di 3100 tagliati su misura per adattarsi in maniera millimetrica alle complesse geometrie dell’involucro, sostenuto da un sistema di facciata ventilata a elevata efficienza energetica sviluppato da Padana Engineering, la divisione di Casalgrande Padana interamente dedicata allo sviluppo di questi interventi.