Progetti

Casa Appia Antica - Roma

Abitare a colori

La ristrutturazione di questo appartamento romano ha puntato sulla razionale redistribuzione degli spazi e sulle tinte forti. Specie nei bagni
Autore
Benedetto Marzullo
Progettista
Emanuela Carratoni
Fabio Cipriani
(cafelab architectural studio)
Superfici
BARDELLI
Anno di realizzazione
2013

Operazione Technicolor. Ovvero, come prendere un appartamento Anni 70 senza particolari qualità e trasformarlo in una moderna residenza caratterizzata da un razionale sfruttamento degli spazi, con una marcia in più: il colore. Siamo a Roma, sulla via Appia Antica. L’intervento di CAFElab Studio si è basato sulla completa rilettura della distribuzione interna. Chiara la divisione – netta – in zona giorno e zona notte che ruotano intorno al fulcro dell’ingresso. Soggiorno e cucina sono stati aggregati al salone per creare un grande open space dove le aree funzionali sono individuate dalla disposizione degli arredi. Da una parte, il living, localizzato intorno al camino, dove rilassarsi, conversare o guardare la tv sui comodi divani; dall’altra l’ampia cucina a vista, realizzata su misura, con penisola funzionale, che affacciandosi sulla zona pranzo ha dato una decisa impronta conviviale a quest’ambiente. A lato dell’isola della cucina, un’originale cantina in muratura, caratterizzata da un rivestimento pittorico effetto “cassero”. Il camino preesistente è stato attualizzato rivestendo la cappa con tasselli in pietra di scisto cristallino e creando un nuovo piano per il focolare in pietra lavica; lateralmente è stato arricchito dall’aggiunta di una panca in legno massello, creando cosÏ un angolo dedicato alla lettura ed al relax, illuminato dalla luce naturale. Infine, un angolo home office a scomparsa, funzionale e discreto, nascosto dietro una doppia porta a libro rivestita con la stessa essenza del parquet in rovere utilizzato per tutta l’abitazione. In tutta la casa, tranne che per il disimpegno zona notte-zona giorno e per la camera da letto matrimoniale, la soluzione adottata è stata quella delle porte scorrevoli all’interno delle murature.
Il percorso-disimpegno diventa il luogo ideale dove disporre bagni e lavanderia.
Per entrambi i bagni sono state scelte piastrelle di Ceramica Bardelli. Per il locale di servizio alla zona giorno, dotato di vasca da bagno, con pavimento in parquet (come nel resto dell’abitazione), i rivestimenti sono stati realizzati con piastrelle decorate con leggeri disegni a mano, nei toni del bianco e diverse sfumature di verde (decoro Soffio disegnato da Marcello Chiarenza). Quello riservato alla zona notte, nei toni del rosso e del grigio. A fare da quinta alla scenografica doccia padronale, così come a pavimento, la linea Minoo disegnata da Marcel Wanders; la collezione presenta un decoro serigrafico su gres porcellanato in 5 diversi disegni forniti miscelati, da posare con la tecnica patchwork. Come accennato, fa da fondale una grande doccia a filopavimento dove le piastrelle sono posate nei toni del rosso. In entrambi i casi, la possibilità di avere i locali illuminati (e aerati) da finestre fa la differenza. Il doppio ingresso dell’abitazione ha consentito di esaudire il desiderio della committenza di avere una stanza di servizio destinata a lavanderia e dispensa con accesso indipendente, anche se, in quest’ultimo caso, senza finestra.
Per concludere, l’accurata scelta dei colori, guidata dal rosso come colore dominante, e stemperata nei toni del grigio e del taupe, gli arredi realizzati su disegno e le finiture di pregio hanno dato un’impronta molto personale agli interni di quest’abitazione.

Piastrelle
Ceramica Bardelli, Soffio e Minoo
Tipologia
grès porcellanato
Formati
20x20 cm
Caratteristiche tecniche
Assorbimento d’acqua (ISO 10545-3): conforme
Resistenza all’attacco chimico (ISO 10545-13): conforme
Resistenza all’usura e all’abrasione (ISO 10545-6): conforme
Resistenza alle macchie (ISO 10545-14): conforme
Resistenza al gelo (ISO 10545-12): conforme
Richiedi info progetto > Galleria prodotti >