I Materiali dell’architettura | di Mattia Santi

In occasione del Café della Stampa di Cersaie dal titolo “I Materiali dell’architettura. Creatività e tecnologia per le nuove sfide della progettazione“, svoltosi il 15 ottobre scorso in modalità digitale, Nicola Leonardi, direttore di THE PLAN, ha incontrato Massimo Alvisi, Co-Founder di Alvisi Kirimoto Architects e Peter Pichler, Founder di Peter Pichler Architecture per riflettere sul futuro dell’architettura e la centralità dei materiali utilizzati in questo tempo di grandi cambiamenti.

Come sostiene Nicola Leonardi “La scelta dei materiali è oggi una prerogativa fondamentale per promuovere il dialogo tra creatività e tecnologia. Senza di esse non esiste architettura che possa risolvere le nuove sfide che l’eccezionale condizione attuale ci chiede di affrontare. Dobbiamo ragionare su questioni che prima davamo per scontate e che oggi forse non lo sono più, rendendo questo periodo un tempo di profonde riflessioni e ripensamenti”. Il Direttore di THE PLAN si interroga su quale sia in questo contesto l’importanza dei materiali nello sviluppo di soluzioni capaci di adattarsi alle esigenze future.

Massimo Alvisi ritiene che l’influenza della materia sul progetto sia molto importante, il primo approccio non deve essere soltanto quello dell’analisi, ma soprattutto della dimensione tattile che l’architettura può restituire a qualsiasi visitatore. Il lavoro del suo studio di architettura si sviluppa attorno ad un’ampia diversificazione compositiva che consente la sperimentazione di una vasta gamma di materiali.

Peter Pichler si sofferma sul legame tra architettura e tradizione. I suoi progetti ricercano un costante dialogo con il luogo, affidando alla scelta dei materiali la capacità di relazionarsi con la cultura e la geografia locali. In ogni progetto è fondamentale capire il contesto e come in esso vengono utilizzati i materiali per elaborare una proposta contemporanea e sostenibile.

In ultimo un focus sulla ceramica e le sue innovative qualità estetiche e funzionali.

Massimo Alvisi: “Indubbiamente uno dei materiali con cui ho lavorato di più in passato e che possiede una dimensione estetica e una dimensione tecnologica molto innovativa. Un materiale non esclusivamente tecnico ma anche capace di costruire lo spazio nel quale viene inserito”.

Peter Pichler: “Per noi è importante evidenziare l’onestà del materiale. Quando utilizziamo la ceramica, come anche altri materiali, abbiamo bisogno che essa si esprima nel suo linguaggio al di là degli aspetti di mercato che a volte vorrebbero trasformarla in altro”.

Guarda il programma completo dei Cafe della stampa di Cersaie.

 

 

Dicembre 2020